Struttura

La Macchina Enigma: Struttura e Funzionamento

Nella sua struttura di base Enigma era costituita da tre “rotori” disposti in serie, uno dopo l’altro, ciascuno dei quali era in sostanza uno spesso disco di gomma con ventisei contatti, tanti quante le lettere dell’alfabeto, situati sulla corona esterna da ciascuna parte. I contatti sulle due facce del disco erano poi collegati internamente a due a due per mezzo di una

2012_06_21_AlanTuring5

complicata e segreta trama di fili elettrici, attraverso i quali si realizzava automaticamente una serie di sostituzioni alfabetiche.
Il tutto si presentava come una massiccia macchina da scrivere con una tastiera, su cui battere le lettere del testo “in chiaro”, avente, nella

parte superiore, un visore a lampadine su cui si illuminavano le corrispondenti lettere del testo cifrato. Gli impulsi elettrici che si propagavano all’interno dei tre rotori determinavano in questo modo l’alfabeto cifrante. Naturalmente l’impenetrabilità di Enigma non era dovuta tanto alla struttura della macchina, quanto alla disposizione iniziale dei rotori; questa veniva cambiata ogni 24 ore in base a una regola prefissata; in definitiva la vera chiave, il vero “Enigma” risiedeva proprio in questa regola. Anche i collegamenti interni dei rotori erano segreti. I tre (o più) rotori, inoltre, potevano essere scambiati tra di loro. E a ogni combinazione corrispondeva un codice di cifra diverso: l’operatore regolava la macchina, iniziava a battere sulla tastiera il messaggio in chiaro e ogni volta che premeva un tasto la corrispondente lettera cifrata si illuminava. Per esempio, la parola “cane” poteva diventare “wzik”. Ma con una regolazione iniziale differente “cane” avrebbe potuto diventare “stfr”. Per riottenere il messaggio in chiaro, l’operatore ricevente doveva regolare rotori e spinotti sull’identica posizione iniziale della macchina trasmittente, digitare sulla sua tastiera il messaggio cifrato e leggere sul pannello la parola “cane”, ma solo se la regolazione iniziale era quella giusta, altrimenti si ottenevano solo lettere senza senso. Anche con una copia esatta della macchina Enigma, quindi, restava da scoprire la regolazione giornaliera dei rotori e degli spinotti.

Per avere informazioni più dettagliate ed esaurienti sulla struttura e sul funzionamento di Enigma, vi consigliamo di collegarvi ai seguenti indirizzi:

Operazione “The Bombe”